Gruppi di lettura Gennaio 2022

Informazioni Generali

  • 08/01/2022 - 17/01/2022
  • Biblioteca - Via Mazzini 68
  • Lunedì 17 gennaio 2022 ore 14.30 Martedì 11 gennaio 2022 ore 20.15 IL GIOCATORE di Fedor Mihajlovic Dostoevskij

Programma dei gruppi di lettura della Biblioteca, quest'anno dedicati alla riscoperta dei Classici.

A gennaio

IL GIOCATORE

di Fedor Mihajlovic Dostoevskij

lunedì 17 gennaio 2022 - ore 14.30

martedì 11 gennaio 2022 - ore 20.15

Gli incontri avranno luogo in presenza in Biblioteca.

Per partecipare è necessaria l'esibizione del Green Pass RAFFORZATO e mascherina FFp2

Nella fittizia città termale di Roulettenburg in Germania (forse Wiesbaden) il protagonista Aleksej Ivanovič è precettore di due bambini in una famiglia russa composta da un vecchio generale e dalla figliastra Polina. Attorno a
loro ruotano la giovane francese Blanche, il marchese Des Grieux, l’inglese Mr Astley, in un complicato gioco di amore e di denaro.
Aleksej è giovane e idealista, innamorato nascostamente di Polina: su incarico di lei e del generale inizia ad avvicinarsi al tavolo da gioco e la fortuna gli arride. La famiglia però è ad un passo dalla rovina: l’unica
speranza rimane l’anziana nonna rimasta in Russia. Finchè improvvisamente la nonna li raggiunge a Roulettenburg e la storia assume sviluppi inattesi. Gli equilibri si spezzano e i rapporti si trasformano, e Aleksej si troverà davanti ad un bivio.
Il libro è disponibile anche come audiolibro presso le biblioteche e in versione ebook su MLOL, la biblioteca digitale gratuita della Rete Bibliotecaria Bergamasca.


Fedor Michajlovič Dostoevskij (1821-1881) pubblica il suo primo romanzo nel 1846 e ne 1849 viene condannato alla pena di morte per attività sovversiva, commutata poi a quattro anni di lavori forzati in Siberia. Questa esperienza lo segnerà profondamente. Allo scadere della pena, lo scrittore parte per l’Europa occidentale e si butta a capofitto nel gioco d’azzardo. Tra le sue opere più conosciute: L’idiota, I fratelli Karamazov, Memorie del sottosuolo, Delitto e castigo.
Il giocatore (1866) fu dettato in poco meno di un mese ad Anna Grigor’evna Snitkina, che diventerà in seguito sua moglie. L’idea del romanzo nacque alcuni anni prima leggendo un articolo pubblicato sulla rivista “La parola russa”, di cui era collaboratore, sulle case da gioco e i suoi frequentatori. In Germania, nel suo duplice ruolo di scrittore e giocatore, presero forma i temi al centro del romanzo: l’inconciliabilità tra amore e gioco, il motivo del russo all’estero, la consapevolezza della propria meschinità e nel contempo la giustificazione della propria natura oltremodo passionale. 

Per info       tel. 035759002-035759001               biblioteca@albino.it

Referente Zanoni Silvia

torna all'inizio del contenuto